Nuove banchine e nuove infrastrutture, soprattutto ferroviarie, consentiranno il raggiungimento degli obiettivi di efficienza e di sostenibilità ambientale fissati dallo stesso Piano. Il nuovo assetto consentirà movimentazioni fino a  2 Mln di contenitori, di cui il 50% trasferiti mediante ferrovia, ben oltre gli obiettivi di politica dei trasporti dell’Unione europea per i prossimi 15 anni. 

" /> Nuove banchine e nuove infrastrutture, soprattutto ferroviarie, consentiranno il raggiungimento degli obiettivi di efficienza e di sostenibilità ambientale fissati dallo stesso Piano. Il nuovo assetto consentirà movimentazioni fino a  2 Mln di contenitori, di cui il 50% trasferiti mediante ferrovia, ben oltre gli obiettivi di politica dei trasporti dell’Unione europea per i prossimi 15 anni. 

"> Nuove banchine e nuove infrastrutture, soprattutto ferroviarie, consentiranno il raggiungimento degli obiettivi di efficienza e di sostenibilità ambientale fissati dallo stesso Piano. Il nuovo assetto consentirà movimentazioni fino a  2 Mln di contenitori, di cui il 50% trasferiti mediante ferrovia, ben oltre gli obiettivi di politica dei trasporti dell’Unione europea per i prossimi 15 anni. 

">

VISUALIZZA sulla mappa:

Home Page » Monitoraggio Opere » Settori » Porto di La Spezia (potenziamento delle aree operative)
Stampa pagina

Porto di La Spezia (potenziamento delle aree operative)

ultimo aggiornamento: 31/08/2016
settore: Porti

Descrizione Progetto

Approvazione del Piano Regolatore Portuale e realizzazione delle opere di potenziamento del Porto di La Spezia. La legge di riforma della portualità italiana (L. n. 84/94) attribuisce un ruolo fondamentale alla predisposizione dello strumento urbanistico portuale, definendone finalità e procedure di approvazione, in collegamento con la pianificazione comunale. Le autorità portuali predispongono piani operativi triennali all'interno dei quali sono individuate annualmente le opere da realizzarsi. Per quanto riguarda il Porto di La Spezia gli interventi più rilevanti riguardano l'area Canaletto e il Terzo Bacino, per un totale di 140.000 mq di nuovi riempimenti destinati ad attività commerciale, per una potenzialità complessiva del porto stimata in 1.600.000 teus a conclusione dei lavori. 

Prosegue  l’impegno dell’Autorità Portuale della Spezia per la completa realizzazione del Piano Regolatore Portuale vigente, approvato dalla Regione Liguria nel 2011. Nuove banchine e nuove infrastrutture, soprattutto ferroviarie, consentiranno il raggiungimento degli obiettivi di efficienza e di sostenibilità ambientale fissati dallo stesso Piano. Il nuovo assetto consentirà movimentazioni fino a  2 Mln di contenitori, di cui il 50% trasferiti mediante ferrovia, ben oltre gli obiettivi di politica dei trasporti dell’Unione europea per i prossimi 15 anni. 

Soggetti coinvolti

Ministero Infrastrutture, Autorità Portuale, Regione Liguria, Comuni, Cons. Sup. LL.PP.

Cronoprogramma

2007
2016
2017
in ritardo

Dettagli prossima fase

Consegna lavori per il primo lotto funzionale relativo alla nuova banchina del Canaletto

Copertura finanziaria

  • Disponibili 57 Milioni di €
  • Non ancora disponibili 0 Milioni di €

Stato di avanzamento del progetto

Stato Progettazione

Progetto definitivo

Progettazione

Si è proceduto al trasferimento presso il porto Mirabello di buona parte delle attività legate alla nautica sociale precedentemente dislocate presso la marina del Canaletto. Il trasferimento ha poi consentito la pubblicazione della gara d’appalto per l’affidamento dei lavori inerenti il primo lotto della nuova banchina in corso di realizzazione. 

Il secondo lotto, da realizzarsi a cura del concessionario, è in avanzato stato di progettazione esecutiva e troverà piena attuazione una volta trasferite le ultime attività nautiche ed artigianali, ancora presenti alla marina del Canaletto, presso le nuove strutture del molo Pagliari. Nel frattempo il progetto del molo Pagliari è stato sottoposto a gara di appalto e sono in corso le procedure di affidamento.

Le attività dell’Autorità Portuale si sono poi concentrate nella realizzazione di alcuni interventi di bonifica/dragaggio dei fondali del terzo bacino: in particolare, nel 2014 è stato completato il dragaggio dei fondali del bacino di evoluzione mentre nel 2015 si sono completati i lavori di bonifica sui fondali del nuovo molo Garibaldi. Sono attualmente in corso i lavori di dragaggio del molo Fornelli est.

Per quanto attiene al PTO - Piano Triennale delle Opere 2016-2018 i principali interventi, su cui si sta concentrando nel 2016 l’azione diretta dell’Ente, sono:

1. Realizzazione piazzale e banchina terminal del Golfo e della fascia di rispetto con possibile realizzazione a lotti mediante investimenti sia pubblici che privati.

2. Realizzazione piazzale e banchina Canaletto con fascia di rispetto.

3. Ampliamento lato levante del molo Garibaldi, primo lotto funzionale.

4. Piattaforma logistica retro porto di S. Stefano Magra – 2° lotto funzionale.

5. Ampliamento testata molo Fornelli.

 

 

Costo dell'Opera

57.000.000

Dettaglio Costi

Finanziamenti disponibili

57.000.000

Dettaglio Finanziamenti

27 milioni di euro di contributi statali, pubblicata la gara per l'individuazione del finanziatore sulla quota mancante

Criticità

Politiche

Le scelte di pianificazione portuale comportano il coinvolgimento di competenze di più Enti (Regione, Comune, Autorità Portuale) e impattano fortemente sulla pianificazione urbanistica comunale.

Tecniche

I porti liguri sono tutti fortemente connessi al tessuto urbano e rendono difficoltoso, oltre che costoso, l'approntamento dei nuovi spazi operativi. Sono stati affidati i lavori per la costruzione della darsena Pagliari, per la rilocalizzazione di attività artigianali oggi insistenti sull'Area Canaletto propedeutici ai lavori di ampliamento della struttura commerciale.

Galleria fotografica