VISUALIZZA sulla mappa:

Home Page » Monitoraggio Opere » Settori » Interporto di Novara C.I.M. Spa: potenziamento
Stampa pagina

Interporto di Novara C.I.M. Spa: potenziamento

ultimo aggiornamento: 17/02/2015
settore: Piattaforme logistiche intermodali

Descrizione Progetto

L’interporto di Novara (Centro Intermodale Merci di Novara, CIM Spa) è un terminal di fondamentale importanza per le relazioni commerciali tra il Nord Ovest italiano, il Mediterraneo e l’Europa Centro Orientale, in quanto posizionato all’incrocio tra il Corridoio Mediterraneo e il Corridoio Genova-Rotterdam.
Gli interventi di potenziamento previsti, di concerto con la futura apertura dei nuovi trafori del Gottardo e del Fréjus, e in sinergia con il progetto della nuova linea Milano-Genova (Terzo Valico), contribuiranno a fare del Novarese una tra le più importanti aree di transito dei flussi merci da e verso l’Europa meridionale.
Dal punto di vista dei collegamenti, il CIM si trova in prossimità dell’Autostrada A4 Torino-Milano alla quale è collegato mediante la Tangenziale di Novara. Inoltre, l’aeroporto di Malpensa dista a soli 31 km e può essere raggiungibile direttamente attraverso la SS341. Attualmente, la gestione del terminal, e delle relative attività di handling, è affidata a Eurogateway Srl, società collegata a CIM Spa, la quale gestisce anche il terminal intermodale di Novara Boschetto.
È importante segnalare gli attuali progetti per l’ampliamento dell’interporto CIM, al fine di perseguire uno sviluppo in grado di generare effetti positivi sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista occupazionale. Secondo il Piano Strategico di Sviluppo Industriale 2011-2015, infatti, per affrontare il futuro incremento dei traffici generato dall’apertura dell’asse del Gottardo e dal completamento del corridoio transpadano, lo sviluppo dell’interporto si articolerà in tre fasi.
La prima fase prevede lo sviluppo funzionale di CIM Est e Nord-Est per la Logistica e Servizi e di CIM Ovest-Boschetto per la terminalistica. Il 4 luglio 2013, FS Logistica e Interporto CIM hanno siglato un accordo per dare un ulteriore impulso al trasporto merci e alla logistica dell’intera zona di Novara. La partnership industriale, di durata pluriennale, prevede FS Logistica metta di CIM le proprie aree a Novara a fronte di corrispettivi, di diritti di governance sul CIM, nonché di una riserva di capacità nei terminal intermodali controllati da CIM che sarà utilizzabile dalle società del Gruppo FS. CIM ha avviato la realizzazione di nuovi binari all’intero dello scalo di Novara Boschetto: grazie a questo intervento, sarà possibile incrementare il numero di treni lavorati facendo fronte alle richieste di attestazione di nuovi traffici, principalmente da Belgio, Olanda e Francia.
La seconda fase (2016-2017) è volta a possibili investimenti addizionali e all’integrazione dello scalo Est con quello ovest con funzioni complementari, prevedendo la realizzazione di ulteriori spazi per la logistica e la pianificazione dell’infrastrutturazione necessaria per far fronte all’apertura del nuovo tunnel di base del Gottardo (sulla base di una verifica preventiva con le Regioni, gli Enti locali e gli operatori del settore). La terza e ultima fase del programma di sviluppo (2018-2019) prevede un’espansione dell’attività terminalistica, sulla base di politiche e scelte innovative in termini di ICT, di ambiente (fotovoltaico e biomasse), di city/reverse logistics e di altre tecnologie operative. 
L'investimento complessivo ammonta a 120 milioni di Euro per la prima fase, che diventeranno 350 milioni al termine del programma. 
Attualmente, si sta procedendo alla modifica della viabilità di accesso al terminal di Autostrada Viaggiante, al fine di renderne più agevole l’operatività e seza interferire con l’accesso di convogli al terminal CIM: tale accesso avverrà lungo i quattro nuovi binari posati sul ponte ferroviario varato sul torrente Terdoppio.

Soggetti coinvolti

Comune di Novara, Regione Piemonte, Ministero dei trasporti e delle Infrastrutture, Ferrovie dello Stato, CIPE.

Cronoprogramma

2002
Ampliamento del terminale ultimato nel 2003
2019
in ritardo

Copertura finanziaria

  • Disponibili 105 Milioni di €
  • Non ancora disponibili 5 Milioni di €

Stato di avanzamento del progetto

Stato Progettazione

Progetto definitivo

Progettazione

Per quanto riguarda i progetti di espansione in corso e programmati, l’interporto CIM di Novara è al centro di una serie di interventi di potenziamento, contestuali ai piani di espansione e potenziamento individuati nel 2011: 

  • Interporto CIM Est: è il nuovo terminal intermodale dedicato alla logistica e ai servizi, evoluzione dell’attuale interporto ad Est della Tangenziale di Novara, già in fase di progettazione, e che si svilupperà su un’area di 1.000.000 mq, raccordato con 12 binari da 1.000 metri ciascuno, magazzini e maxi aree stoccaggio. Attualmente quest’opera risulta in fase di progettazione preliminare e la consegna dei lavori è prevista per il 2015. A questo progetto, già incluso nei piani territoriali del Comune e della Provincia di Novara, si affiancherà la realizzazione a Nord di un’ulteriore area per la logistica e l’industria collegata all’interporto da oltre 1,5 milioni di mq, nei comuni di Novara e Galliate. 
  • Interporto CIM Ovest (completamento): si prevede l’estensione del terminal su una superficie di 234.000 mq (839.000 mq a regime). Al momento, i lavori per la sua realizzazione sono in corso. Il costo si attesta a 108.332.330 di euro.
  • Realizzazione binari presa consegna all’interno del terminal RFI Novara Boschetto (1° stralcio attuativo): l’Interporto di Novara Boschetto attualmente si connette al sistema ferroviario nazionale tramite unico binario. Lo scalo ferroviario e l’interporto sono fisicamente separati dal Torrente Terdoppio. Il 1° stralcio attuativo consiste nella realizzazione di 2 binari per una lunghezza di 600 metri. Questa nuova configurazione permette a CIM di attivare nell’area Boschetto una ulteriore attività intermodale che, nell’ottica di un potenziamento dei traffici nell’area, permetterà una forte sinergia con il terminal esistente e, una volta realizzato anche il 2° stralcio attuativo, il raddoppio delle potenzialità di traffici merci. Attualmente i lavori risultano in corso ed il costo previsto delle opere è di 1,71 milioni di euro.

Costo dell'Opera

110.000.000

Dettaglio Costi

Delibera CIPE n.90/2006 (fonte di riferimento)

Finanziamenti disponibili

104.960.000

Dettaglio Finanziamenti

Nel 10° Allegato Infrastrutture al DFP 2013, che reca l'aggiornamento del Programma delle infrastrutture strategiche (Tabella 0 Programma Infrastrutture Strategiche) è aggiornata la voce di costo complessivo per il progetto “Hub interportuale di Novara: centro interportuale merci - Novara Terminale Ovest” pari a 92,28 milioni di Euro con totale disponibilità pari a 104,96 milioni di Euro. Riguardo al progetto “Hub interportuale di Novara centro merci-Nuovo ponte ferroviario sul torrente Terdoppio” è stata aggiornata la voce "totale disponibilità" pari a 3,99 milioni di Euro ovvero il 100% del fabbisogno complessivo.

Criticità

Politiche

Recepimento dei progetti di espansione nel redigendo Nuovo PRG di Novara.

Tecniche

Esigenze di adeguato sviluppo in tempi certi e brevi della struttura ferroviaria FS di Novara Boschetto, in modo da ottenere un ottimale alimentatore del traffico ferroviario.

Approfondimenti